Il Belluno che non ti aspetti…

A San Donà i nostri ragazzi estraggono dal cappello una prestazione superlativa e, contro un avversario intimorito e impreciso, portano a casa un grande risultato, che dà morale.

I termini della questione erano abbastanza facili da inquadrare: quanto avrebbe pesato la sconfitta patita nel derby sulla convinzione e sulla determinazione dei gialloblù?

E la verifica avrebbe avuto per teatro uno dei campi più muniti della poule, quello del San Donà.

Vero che il XV veneziano presentava un andamento altalenante (conseguenza delle scelte federali in tema di osmosi tra squadre di diverse serie..), ma i ‘numeri’ erano tutti dalla sua parte: miglior attacco e miglior difesa.

Fin dalle prime battute, però, è parso subito evidente che la settimana post derby, anziché aver depositato tossine nel fisico e nella mente dei gialloblù, era stata utilizzata per rivedere da cima a fondo l’approccio alla partita.

Con l’inattesa conseguenza che a dettare le cadenze erano proprio gli ospiti.

Liguori – alla ricerca del giusto equilibrio nell’asse organizzativa – aveva apportato alcuni cambiamenti alla formazione di partenza. Una scelta che ha prodotto interessanti risultati, sia in termini di conquista e gestione dell’ovale, sia come capacità di tradurle in punti.

Ciò che, però, ha stupito maggiormente, è stata la forza di reagire, evidenziata dai gialloblù, dopo che i locali avevano operato il sorpasso a un quarto d’ora dal termine.

La grande pressione ha finito col costringere i padroni di casa al fallo ripetuto; che un implacabile Damiano Sacchet (alla fine eletto Man of The Match) ha usato per il 22 a 25 finale.

Risultato finale:  RUGBY SAN DONA’ 22 – ASD RUGBY BELLUNO 25

MARCATORI: 2′ Pelizzon mnt; 10′ Longo mt Sacchet D.; 15′ Tomasella mnt; 30′ Falcier cp; 39′ Falcier mt stesso; 46′ Barnabō mt Sacchet D.; 63′ Scarpari mt Falcier; 68′ e 74′ Sacchet D. cp.

 

Articolo di Silvano Cavallet per il Gazzettino