Contro il Castellana perdiamo una partita bella ed emozionante.

Il rugby, è noto, non prevede il successo ‘ai punti’ ma solo sulla base di quanto i giocatori riescono a concretare in campo. Ciò significa che anche un singolo episodio può cambiare le sorti di una gara.

A Villa Montalban, correva il 72′, e la sfida tra Belluno e Castellana pareva aver assunto un’inerzia favorevole agli ospiti.

I locali, è vero, erano riusciti a trovare la meta ma il vantaggio trevigiano (13 a 21) sembrava pressoché incolmabile. Succede, però, che i gialloblù tentano un assalto cambiando l’approccio. Palla lunga e pressione sulla difesa ospiti. Che raccoglie l’ovale, lo porta in area di meta, ma per non concedere una mischia ai 5 metri, tenta il calcio in touche.

Ma i gialloblù, arrivati rapidamente, vanno a tentare di stoppare la palla; palla che s’impenna, esce dall’area di meta e viene raccolta da una terza linea ospite che, così, impedisce ai gialloblù di giocarla.

Regolamento alla mano, dovrebbe scattare il ‘giallo’ e la meta di punizione o, almeno, un penalty a favore del Belluno. Nulla di tutto ciò. Tra lo sconcerto e la sorpresa dentro e fuori il terreno di gioco, il direttore di gara decreta un ‘avanti’ (non previsto nei casi di stoppata, come conferma Inghilterra-Italia di sabato) con conseguente mischia a favore degli ospiti.

Sarebbe cambiato il finale? Non è detto.

Certo, col punteggio di 20 a 21 e sette minuti da giocare, le prospettive sarebbero radicalmente cambiate.

“Bisogna dire – rileva il solito, pacato, Luigi Liguori – che loro sono una buona squadra. Capace di svolgere al meglio il proprio gioco e rapida ad adeguarsi al metro di giudizio dell’arbitro”.

Analisi corretta e condivisibile. A un primo tempo tutto di marca trevigiana, ha fatto riscontro una ripresa caratterizzata da qualche momento di vivacità del Belluno, sempre però controllato dagli ospiti.

Fino al pasticciaccio di cui, è certo, si continuerà a parlare a lungo.

 

Risultato finale: ASD RUGBY BELLUNO 13 – RUGBY CASTELLANA 28

MARCATORI: 18′ Faganello mt. Rampado; 25′ Sacchet D. cp; 40′ Faganello mt Rampado: Sacchet D. cp; 55′ Babolin mt Rampado; 63′ Longo mt Fantuz; 80′ Cavinato mt Rampado.

ASD RUGBY BELLUNO: Fantuz, De Polo, Tomasella, Damiano Sacchet (57′ Sparano), Longo, Sacchet, Vedana (57′ Capraro), Bortoluzzi, Simone Monestier, Dal Pont (41′ Barnabò), Casol (55′ Bianchet), Saviane, Sommacal, Pellin (41′ Bernardi), Reveane.

RUGBY CASTELLANA: Rampado, Pandocchi, Perin (60′ Gasparini), Fornarolo, Pellizzari, Conte, Milan, Bulla, Ciatto, Giorgio Babolin, Cavinato, Dallan, Dalla Pozza (42′ Gazzolla), Faganello (68′ Zordan), Simionato.

ARBITRO: Carlo Pastore di Genova.

NOTE: Terreno in buone condizioni, spettatori 180 circa.