Col Bassano ritorna la voglia di alta classifica

Nello scontro per il terzo posto i ragazzi di Gigi Liguori mettono in campo cuore e voglia di vincere, per un risultato importantissimo per accedere alla Poule promozione.

Si annunciava come gara molto delicata, soprattutto per i padroni di casa, la sfida tra Belluno e Bassano. In palio, infatti, il terzo posto della classifica. Quello che attribuisce il ‘pass’ per la successiva poule promozione.

In casa gialloblù c’era, poi, anche un altro motivo: all’andata, i Vicentini erano stati piuttosto ruvidi nei contrasti e c’era da mettere ordine anche in questo dettaglio.

Liguori ha apportato qualche variazione nel XV di partenza, schierando Bortoluzzi a numero 8, e riproponendo Longo, finalmente a posto fisicamente.

Che fosse una giornata da gustare, lo si è visto molto presto. I padroni di casa, infatti, hanno subito aggredito la metà campo avversaria, mettendo grande pressione sui portatori di palla ospiti e garantendo un costante sostegno.

Dopo l’iniziale vantaggio, grazie a un preciso Damiano Sacchet, i locali incappano in una delle poche distrazioni dell’intero pomeriggio. Una palla erroneamente annullata permette ai Vicentini di giocare una mischia ai 5 metri; la conseguente ‘rolling moul’ si conclude con una segnatura sotto i pali.

Giusto il tempo di guardarsi negli occhi, e i gialloblù rimettono le cose a posto. Prima con Longo, imprendibile sulla fascia, poi con De Polo. E prima del riposo, a conferma della volontà di non allentare la pressione, arriva la terza segnatura di Longo (alla fine saranno quattro), cui gli ospiti riescono a opporre solo quella di Zanzot, un pilone bravo a farsi trovare al posto giusto e al momento giusto.

Le due squadre hanno speso molto, e la ripresa è meno scoppiettante, anche se il gioco rimane sempre saldamente nelle mani del Belluno.

Gli ospiti, consapevoli che il risultato finale non è in dubbio, mettono in campo tutte le residue energie nel tentativo di realizzare la quarta meta, quella che vale il ‘bonus’.

Obiettivo che centrano (ma la segnatura era viziata da un evidente fallo: ma la gestione degli ‘in avanti’ è stata sempre all’insegna di regole molto personali del direttore di gara) proprio allo scadere del tempo, sugli sviluppi di una confusa manovra della mischia.

“Una buona prestazione – dirà Liguori al termine – che conferma come, giocando con lucidità, non siamo inferiori a nessuno”.

Risultato finale: ASD RUGBY BELLUNO 51 – RUGBY BASSANO 26

MARCATORI: 3′ Sacchet D. cp; 5′ mischia Bassano mt Nichele; 9′ e 13′ Longo mt Sacchet D.; 20′ De Polo mt Sacchet D.; 24′ Zanzot mt Nichele; 35′ Longo mt Sacchet D.; 47′ Sacchet D. cp; 55′ Sala mnt; 60′ Sacchet D. cp; 70′ Longo mt Sacchet D.; 76′ De Polo mt Sacchet D.; 79′ mischia Bassano mt Nichele.

ASD RUGBY BELLUNO: Sparano, Longo, De Polo, Sacchet D., Bernardi N. (61′ Tomasella), Sacchet F., Vedana, Bortoluzzi, Monestier S., Bernardi M. (65′ Mattia), Ruggeri, Casol (65′ Bianchet), Monestier A. (61′ Sommacal), Pellin (71′ De Cesero), Zampieri (61′ Reveane’).

BASSANO: Ganassin (2′ Sala), Lorenzato, Nichele, Zonta (49′ Cei), Dalla Palma, Serraiotto, Campana, Tito (64′ Alessio), Ruffato, Zalunardo (71′ Lucato), Lunardon (77′ Breggion), De Zen (41′ Cortese), Zanzot, Simonetto, Pegoraro.

ARBITRO: Gianmarco Toneatto di Udine.

NOTE: giornata fredda, terreno in buone condizioni. Spettatori 150 circa.

 

Articolo di Silvano Cavallet per il Gazzettino