Jonah Lomu: istituito un fondo per i figli

Il “Jonah Lomu Legacy Trust” provvederà al benessere, allo studio e alla crescita dei due figli del grande campione prematuramente scomparso

Un fondo fiduciario è stato istituito per i figli di Jonah Lomu (Dhyreille di sei anni e Brayley, di cinque) dopo la notizia che il campione neozelandese di rugby è mancato senza aver lasciato nessun risparmio per la sua famiglia.

Lomu, morto all’età di 40 anni nel mese di novembre, a causa di una rarissima patologia ai reni diagnosticatagli  fin dal 1995, aveva dovuto sostenere spese impegnative per la cura della sua malattia, che richiedeva lunghe e debilitanti sedute di dialisi.

Il presidente della International Rugby Players’ Association (IRPA) e amministratore delegato della New Zealand Rugby Players Association, Rob Nichol, ha dichiarato “La grande generosità di Lomu lo aveva lasciato praticamente senza soldi, al momento della sua morte, a causa anche dei costi delle cure ai reni. Nonostante questo, la famiglia di Giona non ha chiesto aiuto. I suoi problemi di salute lo costrinsero a lasciare i campi di gioco, dovendo subire un trapianto di rene nel 2004, ma l’organo  trapiantato smise di funzionare già nel 2011.”

Nichol ha aggiunto: “Era una persona davvero umile, che viveva fuori dai riflettori e che aveva scelto di non chiedere aiuto o di essere un peso per gli altri, nel condividere i suoi problemi. Nonostante la sua malattia debilitante, era fermamente ottimista e chiaramente aveva una grande fede, tanto che sarebbe stato in grado di continuare a lavorare per soddisfare i suoi obblighi e di provvedere alla sua famiglia.”

“A causa della sua morte prematura, lo sappiamo tutti, purtroppo non ne è stato capace, e Jonah sarà ora in grado di avere un aiuto per i suoi ragazzi, per la loro crescita, il benessere e l’educazione”.

L’associazione chiede ai tifosi di rugby di tutto il mondo di sostenere la causa e fare una donazione con fiducia. L’ex All Black Michael Jones, uno dei quattro amministratori, ha detto che questo è il momento di restituire a Lomu quanto è stato capace di fare per il marchio All Black e per tutto il movimento rugbistico mondiale.

“Ha superato tutto ciò che avevamo visto prima, ed è improbabile che ci sarà modo, in futuro, di rivedere ancora nuovi campioni del suo calibro.”, ha detto Jones. “Era un fenomeno di rugby assoluto.”