Gialloblù l’ultimo derby del 2015

Un grande Panepinto, finalmente all’ala, infiamma la Prima Squadra che fa suo il derby di fine anno

Dal punto di vista tecnico, sicuramente non una gran partita. Il gioco, quello fatto di manovre lineari, veloci e profittevoli, lo si è visto solo a sprazzi; e verso la fine della contesa. Poi, uno guarda all’elenco dei puniti e pensa a chissà quali contese. Nulla di tutto questo.

Più semplicemente, è stata sanzionata – e non sempre – un’unica fase di gioco. Per il resto, disciplina e rispetto delle distanze sono stati lasciati negli spogliatoi.

Parte col piede giusto il Belluno che, dopo meno di tre minuti, mette Bernardi nelle condizioni di finalizzare un manovra corale.

Ci si aspetta una gara spumeggiante (la classifica, infatti, ha già emesso i verdetti), invece il gioco si fa – dall’una e dall’altra parte – raffazzonato, prevedibile, monotono.

L’Alpago arriva a ridosso dei gialloblù grazie a due penalty messi tra i pali da un preciso Sacchet, poi, è soprattutto Belluno.

Ma un Belluno arruffone, che spreca due ghiotte occasioni per troppa precipitazione.

A imprimere un’accelerazione è Panepinto che, sull’out di sinistra, riceve palla e fila in uno strettissimo corridoio fino alla meta. In avvio di ripresa, poi, la linea arretrata gialloverde si fa cogliere impreparata su un lungo rinvio. Il più lesto, pur partendo da lontano, è Fantuz che beffa l’immobile retroguardia ospite.

Sembra fatta ma il XV della Conca non ci sta. Bussa a ripetizione alla porta gialloblù e, alla fine, trova la meta.

Per il Belluno si tratta di un brusco risveglio che funziona da pungolo. Il gioco diventa, finalmente, apprezzabile e, prima D’Incà (che finalizza una ficcante azione Sacchet-Naggi), poi il giovane De Polo – puntuale all’appuntamento sul profondo calcio di liberazione di Bortoluzzi – arrotondano il punteggio finale.

La pausa – si ritornerà in campo il 17 gennaio – arriva a proposito. Entrambe le squadre, infatti, potranno esaminare con la dovuta calma l’ultimo scorcio di stagione; e preparare al meglio la seconda fase del torneo. Una fase nella quale ogni disattenzione finirà col costare molto cara.
Infine, stante il metro di giudizio dell’arbitro, gran lavoro – come registrava Alex Penciu al termine – per il commissario di campo.

Risultato finale:
ASD RUGBY BELLUNO 31 – RUGBY BELLUNO 13

Marcatori:
3′ Bernardi mt Naggi; 10′ e 13′ Sacchet cp; 40′ Panepinto mnt; 41′ Fantuz mnt; 69′ mischia Alpago mt Sacchet; 73′ D’Incà mt Naggi; 78′ De Polo Alb. mt Sacchet.

Formazione BELLUNO:
D’Incà, De Polo Alb., Gatti (63′ Sacchet), Vedana 76′ Belfi), Bernardi, Naggi, Boschet (55′ Cantoni), Bortoluzzi, Fantuz (76′ Galliano), De Polo Ale. (64′ Casali), Saviane, Brancher, Casol (64′ Pielli), Panepinto (64′ Pellin), Zampieri.

Formazione ALPAGO:
Bassanello (222′ De March), Taccone, Favero (72′ Pedol), Sacchet, Delle Donne, Mognol G. (40′ Zoldan), Mognol L., Romor, Galantin, Fontana, De Fina (44′ Rizzoli), Dal Borgo, Fullin (34′ Costa), De Cesaro (62′ De Lazzaro), Reveane.

ARBITRO:
Alex Frasson

NOTE:
‘giallo’ a De Polo AlbERTO, Sacchet (Alpago), Saviane e Pielli per gioco scorretto.
Terreno in buone condizioni.
Spettatori 90 circa.

(Articolo di Silvano Cavallet per il Gazzettino)