In Alpago pronostico rispettato

LA NOSTRA PRIMA SQUADRA CONTINUA LA RINCORSA AL RUGBY FELTRE, NELLA PRIMA POULE DELLA SERIE C

Vince, legittimamente, il Belluno una gara che – contrariamente a quanto si potrebbe pensare guardando l’elenco dei ‘cattivi’ – è stata giocata con ardore ma senza animosità fuori luogo. Il Belluno ha fatto leva sulla maggior qualità della propria linea veloce, l’Alpago ha provato a contenere le folate avversarie con il peso e l’organizzazione della mischia. Partono decisi gli ospiti che centrano i pali con Naggi (per il resto della gara meno preciso del solito) dopo neppure due gii di orologio. E allungano qualche minuto più tardi quando Bernardi finalizza in meta una manovra corale di tutta la propria linea arretrata. Potrebbe essere la svolta ma l’Alpago si riorganizza. Fatica a occupare la metà campo avversaria ma quando ci riesce, ottiene due penalty che Sacchet mette tra i pali. Prima del riposo, tuttavia, nuovo allunga del Belluno: il giovane De Polo, ben supportato dai compagni di reparto, trova la chiave per aprire la difesa gialloverde. La ripresa presenta lo stesso canovaccio, anche se il ritmo è meno frenetico. Gli ospiti mantengono una netta supremazia territoriale ma nel primo quarto d’ora trovano solo i punti di un preciso Sacchet. La svolta definitiva matura attorno alla mezzora. Prima è la mischia gialloblù che sorprende il pack avversario e permette a Bortoluzzi di schiacciare in meta, poi è il giovane Cantoni che confeziona la giocata di maggior spessore tecnico che entusiasma il pubblico. Palla che la linea veloce del Belluno fa girare lungo tutto il fronte dell’attacco, alla ricerca del varco giusto. Quando l’ovale arriva all’ala, Cantoni realizza che – pur piccolo – c’è un corridoio da esplorare. Prende d’infilata la difesa avversaria che – forse – non si aspettava questa accelerazione e plana nell’area di meta dopo una volta di trenta metri. Gara dall’esito deciso ma aperta nel punteggio. Gli ultimi dieci minuti, infatti, vedono i padroni di casa (Dal Pont ha mandato in campo tutti i giocatori a sua disposizione) che costringono i gialloblù dentro i propri ventidue metri. Il gioco diventa meno lineare ma di grande impatto emotivo. Alla fine, l’Alpago ottiene la segnatura sugli sviluppi dell’ennesima mischia. Una segnatura che rende meno ampio il divario e premia l’impegno degli avanti gialloverdi.

Risultato finale:
RUGBY ALPAGO 13 – ASD RUGBY BELLUNO 32

Marcatori:
2′ Naggi cp; 8′ Bernardi mt Naggi; 10′ e 15′ Sacchet cp; 36′ De Polo Alb. mt Naggi; 50′ Sacchet cp; 56′ Bortoluzzi mt Sacchet; 65′ Cantoni mnt; 75′ mischia Alpago mt Sacchet.


ALPAGO:
Mognol G.(50′ De Lazzero), Bassanello, Favero, Sacchet, Sey, Taccone, Calvi (47′ Mognol L.), Romor, Galantin (60′ Pedol), Fontana, Dal Borgo, De Fina (60′ Rizzoli), Reveane, De Cesaro (60′ Costa), Toldo (60′ Fullin).
BELLUNO: Naggi, Sacchet (72′ Gatti), De Polo Alb., Vedana (72′ Belfi), Cantoni, Bernardi, D’Incà, Bortoluzzi, Fantuz (52′ De Polo Ale.), Casali (53′ Galliano), Saviane, Brancher, Sommacal (70′ Pellin), Panepinto (72′ Casol), Zampieri.

Arbitro: sig. Enrico Dardani

Note:
‘giallo’ a Galantin e D’Incà (reciproche scorrettezze), Sommacal (calpestio), Sey (placcaggio al collo), Fantuz (gioco pericoloso. Terreno in buone condizioni.

Spettatori 120 circa

(Articolo di Silvano Cavalet per il gazzettino del 9/11/2015)

– Photo Daniele Savaiano ©