Super Capraro affonda il Conegliano

 Il Belluno non ha problemi a far sua la partita, belle prestazioni anche per De Polo e per il giovane Tarantola

 
Convincente vittoria del Rugby Belluno che, giocando un primo tempo magistrale, chiude presto la pratica Conegliano, riscattando il brutto passo falso contro i Monsters nel turno precedente.In evidenza il solito Capraro, che senza troppa fatica fa quattro mete e alla fine concede un po di spettacolo con un drop da quasi centrocampo; da segnalare anche le due mete di De Polo e la grande prova caratteriale del giovanissimo Tarantola, autore di tre punizioni vincenti e di quasi tutte le trasformazioni delle mete dei suoi compagni. Ma tutti i gialloblù hanno svolto il loro compito al meglio, con una bella prova di squadra che fa ben sperare in vista del derby dopo la pausa contro il Feltre.Pronti, via e il Belluno ha lasciato la testa nello spogliatoio: un  attimo di sbandamento in difesa e il Conegliano ne approfitta subito, andando in meta con Pederiva.Ma è solo  un fuoco  di paglia, visto che da qui all’80’ in campo c’è solo il Belluno. Passano pochi istanti e i gialloblù accorciano le distanze con una meta finalizzata da super Capraro dopo una azione al largo in velocità. Alla trasformazione il giovanissimo Tarantola, che sembra quasi un veterano per la sua sicurezza in campo, ma la palla non centra i pali di poco.

Al 13’ è Capraro a dar inizio all’azione che De Polo finalizza con la meta del sorpasso 12-7. Poi al 19’è  ancora Capraro a penetrare senza troppe difficoltà  nella molle difesa ospite per realizzare la terza meta. E poco dopo si ripete con un’altra meta per il momentaneo 26-7. Al 33’ tocca al giovane Tarantola realizzare una  punizione da posizione davvero angolata. E non è finita qui, visto che allo scadere c’è ancora tempo per vedere la seconda meta di De Polo e la punizione vincente ancora di Tarantola (conseguente al fallo che costringe all’ammonizione Zannoni) che portano il punteggio sul rassicurante 39-7.

Dopo lo show della prima frazione nella ripresa la musica non cambia, con il Belluno a fare la partita, anche se il ritmo giustamente cala. Dopo un’altra punizione di Tarantola, ecco l’unica pecca della ripresa, con l’ammonizione di M. Bortoluzzi e la meta del coneglianese De Zanet con l’uomo in più.

Ma poi, grazie anche all’ingresso sul campo di forze nuove, il Belluno incrementa ancora il punteggio  con il solito Capraro, prima con una finezza (un drop da quasi cinquanta metri), poi con l’ultima meta dell’incontro che decreta la fine dell’incontro sul punteggio di 52-12. Una gara a senzo unico, con il Belluno che ha dimostrato di potersi togliere delle belle soddisfazioni, sfruttando le doti dei suoi migliori giocatori.

 © Corriere delle Alpi